25 maggio

25 maggio 2018: manca un anno all’entrata in vigore della Privacy Europea

“Ora le aziende devono passare dalle parole ai fatti. Addetti ai lavori nei prossimi mesi non avranno più molti spazi per eventi dispersivi che tolgono tempo prezioso per adeguarsi entro la scadenza”ha dichiarato il presidente di Federprivacy.

In effetti dallo scorso 24 maggio 2016, data dell’entrata in vigore del nuovo General Data Protection Regulation che prevedeva due anni di tempo per adeguarsi, molte aziende hanno soltanto iniziato a “farsi un’idea” sui cambiamenti previsti dal GDPR, ma ora, imprese e pubbliche amministrazioni, hanno solo 12 mesi per mettersi in regola e per non esporsi a multe che potranno arrivare fino a 20 milioni di euro (o al 4% del fatturato globale annuo).

Arrivati al “giro di boa” verso la piena operatività del Regolamento 2016/679, il presidente di Federprivacy Nicola Bernardi, commenta così:“Nei primi dodici mesi dall’entrata in vigore del nuovo testo comunitario, professionisti e manager hanno speso molto tempo in congressi e meeting per ragionare sulle numerose novità della data protection, ma intanto metà del tempo a disposizione se ne è già andato. Ora le aziende devono stringere sui tempi e passare tempestivamente dalle parole ai fatti, perché dal 25 maggio 2018 l’Autorità Garante applicherà inesorabilmente il nuovo sistema sanzionatorio, e per questo gli addetti ai lavori nei prossimi mesi non avranno più molti spazi per dedicarsi a eventi dispersivi, che toglierebbero loro tempo prezioso da dedicare alle complesse attività necessarie per adeguarsi entro la scadenza”.

Le modifiche previste dal Nuovo Regolamento Europeo sono sostanziali e richiedono di intervenire sia a livello organizzativo che tecnologico. 

Per chi ancora non si è aggiornato, l’unica strada saggia da percorrere è quella di puntare su formazione intensiva e qualificata affidandosi a quelle realtà che, partendo dall’infrastruttura informatica presente in azienda, riescono a predisporre un piano rapido ed efficace di aggiornamento alla nuova normativa.

TEL&CO può aiutarvi nella scelta di soluzioni informatiche per il controllo degli accessi sui vostri server,
può fornire il Servizio di Amministratore di Sistema ai sensi del D. L. n 196/2003 (Codice Privacy)
ed il Servizio di consulenza in ambito GDPR .
Vuoi saperne di più?

Il nostro referente in ambito Privacy è disponibile per un primo incontro di approfondimento.

Fonte: www.federprivacy.it