loading_spinner

Le nostre soluzioni

La competenza certificata, la continua formazione e l’aggiornamento del nostro personale ci permettono di realizzare soluzioni tecnologiche sempre al passo con i tempi e avanguardia.

I nostri servizi

Servizi sistemistici offerti per il supporto tecnico delle infrastrutture informatiche della tua azienda, consentendoti di lavorare in serenità e di concentrarti sul tuo Core Business.

I servizi sono curati dal nostro team di esperti che, grazie a una esperienza ventennale, garantisce il funzionamento quotidiano dei tuoi sistemi IT.

Fake News: non cadere nella trappola!

Le Fake News sono diventate sempre più frequenti negli ultimi anni: notizie false o ingannevoli che mirano ad influenzare chi le legge. Ma come si può fare per riconoscerle e non cadere nel tranello?

A dir la verità, le fake news sono sempre esistite e sempre esisteranno, probabilmente sarà estremamente difficile provare ad arginarle.

Perché si diffondono così velocemente?

Le fake news hanno una diffusione così ampia probabilmente per due motivi: quello che viene definito bias di conferma e la leggerezza degli utenti.
Il primo punto riguarda semplicemente il fatto che le persone credano subito a ciò che leggono se è in linea con il loro pensiero; non si curano di confermare la fonte o la veridicità della notizia prima di condividerla e aumentare la sua copertura.
Tutti siamo consapevoli che i social siano il luogo di ritrovo dei cosiddetti “analfabeti funzionali” ed è qui che arriva il secondo punto. Molti utenti cliccano la condivisione dopo aver letto solo il titolo dell’articolo; questo è il risultato del mix tra superficialità nella lettura degli articoli, ma soprattutto nell’incapacità di riconoscere una bufala.

Perché nascono le fake news?

Dietro la creazione e la diffusione di false notizie, possiamo trovare due motivi principali:

Manipolazione: determinate notizie possono avere lo scopo di manipolare il comportamento delle persone; diffondere annunci ingannevoli in un lasso di tempo determinato in precedenza, può portare gli utenti ad agire come desiderato dagli artefici dei messaggi. I casi più “celebri” in questo caso possiamo ritrovarli in ambito politico (vedi elezione di Donald Trump).

Guadagno: le fake news trovano il loro habitat naturale su Internet e sui social. La condivisione su queste piattaforme risulta, infatti,  estremamente semplice e veloce; in aggiunta a questo, è possibile creare un enorme traffico e far arrivare la notizia a un gran numero di utenti. Una delle tecniche utilizzate dai truffatori è la seguente: molto semplicemente condurre la vittima sul sito desiderato e aspettare che clicchi per sbaglio sul banner creato appositamente.

È possibile bloccarle?

Verificare le fonti di una notizia o la sua veridicità, attualmente, è estremamente difficile, sia a livello di risorse che di tempo. Come se non bastasse, ora produrre delle (fake) news è alla portata di tutti e gratuita e il tasto “condividi” non è certo d’aiuto nell’arginare questo fenomeno.

Sei caduto nella trappola e credi che il tuo computer non sia più sicuro?

Ricordati sempre che devi prevedere dei sistemi di protezione esterni, poiché non basta stare attenti: Backup, Antivirus e Firewall sono comunque indispensabili.

Fonte dei contenuti: blog.tagliaerbe.com

Eventi

Sophos Day 2022

Sophos Day 25 Ottobre 2022 | Ore 12:30 – 17:30@ Hotel Principe di Savoia, Milano

Rimaniamo in contatto: iscriviti alla Newsletter!

Ti inviamo gli aggiornamenti e le ultime novità dal mondo IT!