loading_spinner

Le nostre soluzioni

La competenza certificata, la continua formazione e l’aggiornamento del nostro personale ci permettono di realizzare soluzioni tecnologiche sempre al passo con i tempi e avanguardia.

I nostri servizi

Servizi sistemistici offerti per il supporto tecnico delle infrastrutture informatiche della tua azienda, consentendoti di lavorare in serenità e di concentrarti sul tuo Core Business.

I servizi sono curati dal nostro team di esperti che, grazie a una esperienza ventennale, garantisce il funzionamento quotidiano dei tuoi sistemi IT.

Allarme account hackerati, ma si rivela una truffa bufala

Da qualche giorno è stata segnalata una nuova truffa che riguarda l’hackeraggio di numerosi account di posta elettronica.

Inizialmente sembrava che vittima di questo assalto fossero solo le mail aziendali, ma negli ultimi giorni le segnalazioni sono aumentate significativamente, creando uno stato di allarmismo generale.

Il messaggio che arriva all’account hackerato contiene la richiesta di un riscatto di circa 300 bitcoin da versare su un conto ben preciso per impedire la divulgazione di immagini “private”. In altre parole: o la vittima paga o il truffatore pubblicherà il video che la riprende durante la visione di immagini per adulti a famigliari e amici, rovinando di fatto la sua reputazione.

Ma non è tutto come sembra: quella che appare come un’estorsione a tutti gli effetti è, invece, una gran truffa bufala. Il messaggio che arriva al malcapitato utente non è altro che un bluff: è generico, privo di informazioni personali, ma soprattutto non contiene nessun video imbarazzante; il truffatore prova semplicemente a giocare sulla coscienza sporca del destinatario.

Ecco il messaggio arrivato su molti account di posta elettronica (fonte: ilnuovolevante.it)

Il tuo account è stato hackerato!
Salve!
Come avrai già indovinato, il tuo account è stato hackerato, perché è da lì che ho inviato questo messaggio.
Io rappresento un gruppo internazionale famoso di hacker.
Nel periodo dal 22.07.2018 al 14.09.2018, su uno dei siti per adulti che hai visitato, hai preso un virus che avevamo creato noi.
In questo momento noi abbiamo accesso a tutta la tua corrispondenza, reti sociali, messenger.
Anzi, abbiamo i dump completi di questo tipo di informazioni.

Siamo al corrente di tutti i tuoi “piccoli e grossi segreti”, si si… Sembra che tu abbia tutta una vita segreta.
Abbiamo visto e registrato come ti sei divertito visitando siti per adulti… Dio mio, che gusti, che passioni tu hai…
Ma la cosa ancora più interessante e che periodicamente ti abbiamo registrato con la webcam del tuo dispositivo, sincronizzando la registrazione con quello che stavi guardando! Non credo che tu voglia che tutti i tuoi segreti vedano i tuoi amici, la tua famiglia e soprattutto la tua persona più vicina. 

Trasferisci 300$ sul nostro portafoglio di criptovaluta Bitcoin-19Uqqd8mvBNMAZHVQ8XAZsvxnT7VoVn8iS
Garantisco che subito dopo provvederemo a eliminare tutti i tuoi segreti!

Dal momento in cui hai letto questo messaggio partirà un timer. Avrai 48 ore per trasferire la somma indicata sopra.

Appena l’importo viene versato sul nostro conto tutti i tuoi dati saranno eliminati!
Se invece il pagamento non arriva, tutta la tua corrispondenza e i video che abbiamo registrato automaticamente saranno inviati a tutti i contatti che erano presenti sul tuo dispositivo nel momento di contagio!

Mi dispiace, ma bisogna pensare alla propria sicurezza!
Speriamo che questa storia ti insegni a nascondere i tuoi segreti in una maniera adeguata!

Stammi bene!

Il consiglio degli esperti?

La Polizia Postale è già al corrente di questo boom di segnalazioni: si sta muovendo per tentare di arginare la minaccia e individuare il mittente del messaggio, avvisando che è una semplice invenzione per spaventare.

Se si riceve una mail del genere non apritela, non cascateci, non rispondete e non pagate. Cestinate il messaggio e andate avanti con le vostre vite. Nel frattempo proteggete la mail e tutti gli account: cambiate la password e attivati meccanismi di autenticazione; non lasciate i vostri dispositivi incustoditi e non cliccate su link o allegati sospetti.

Vuoi saperne di più?

Fonte dei contenuti: Il Messaggero.it

Rimaniamo in contatto: iscriviti alla Newsletter!

Ti inviamo gli aggiornamenti e le ultime novità dal mondo IT!